Bassano B., Durio P., Gallo Orsi U., Macchi E eds., 1992. Proceedings of the 1st Int. Symp. on Alpine Marmot and genera Marmota. Torino.
Edition électronique, Ramousse R., International Marmot Network, Lyon 2002


PRELIMINARY ASPECTS FOR THE STUDY OF THE BEHAVIOUR OF THE MARMOTS (Marmota marmota)

Congiu M.

Istituto di Zoologia Università di Genova - Via Balbi, 5

Abstract - The research takes place in the regional Park of the Argentera in the middle of the Maritime Alps (north-west of Italy).

The study started on 20 of April and it's based on the direct observation of the animals.

Until the 12 of October, 579 hours were spent for observing the members of two Marmots' groups: - a family-unit - a colony. The research is based on the study of the different behaviour of the colony's marmots and family-unit marmots. The examined area is a grassland meadow once placed in the most fertile and flat areas of the Park and in many cases still now used as grassland.

The area is divided in two parts:

- the "Gias della Cuccetta", on the left side of the stream;

- the "Gias dell'Isterpis" on the right side of the stream (1340 mt).

In the "Gias della Cuccetta" lives the family-unit of Marmots, the one that was observed. The burrows of this family are four and they are placed just near the forest (a beech-woods).

The colony of Marmots lives at the beginning of the "Gias dell'Isterpis", on a steep crest that goes from a little plateau to the stream.

The instruments used for the observation were a binoculars (10x50) and a camera with 500 mm Telemacro Catadioptric.

The other method used for the investigation was to capture the animals. The capture was made using snares in the period between the 1 of July and 4 of July.

Family-unit: 6 snares were set nearby or for 5 entrances of burrows.

Colony: 29 snares were set nearby or for 21 entrances of burrows.

This specimen was marked with Freon and with a blue-coloured collar (no- choking). This collar was still visible before of lethargy of the animals, but its colour was not so clear; besides the white spot caused by Freon was difficult to identify.

The colony includes at least 10 different animals (this was the number of animals observed during the investigation).

The relations between the members of the colony are intense and frequent, mostly between the juveniles (it was possible to identify 4 juveniles).

The play-activity of these young animals reaches it's highest intensity in the period that goes from the half of June to the half of July.

The games of the animals can be described in this way: two animals position themselves one in front of each other and assume the "man-position", they push themselves (I've never seen them using their teeth) and then they run after each other.

Furthermore the juveniles are animals that spend most of their time all together also during other activities, as during the searching of food and during the idle hours near the burrows.

Usually the adults live together peacefully. Only in two cases, at the beginning of May and at the beginning of June, we recorded two fights.

The reasons of the first fight were linked to feed-problems, in fact in May, there was still a lot of snow; the fight started sudden, but it was quite brief because one of the two Marmots retreated very quickly.

The second fight took place when a Marmot was trying to go into a burrow (not the same from where it came out) and another one, that was staying in front of the entrance of this burrows, prevented the first one to enter.

In this case the attack wasn't sudden, in fact previously the animal that was at the mouth of the burrow, had already tried to cover the entrance with its body.

Consequently the animal that wanted to enter tried to push the enemy with its muzzle, and then the fight began.

The fight was bloodless and the development typical of Marmots' fight. The Marmot that tried to enter lost the fight. It's necessary to observe the kind of behaviour that Marmots have in front of a burrow in the presence of another member of the colony, in particularly of an adult. The arriving Marmot (A) stops quite near the other Marmot (B), moves slowly its tale and stretches out its muzzle.

Usually the Marmot B - at the mouth of the burrow - doesn't move. Only when the distance is shorter, because the Marmot A approaches, the two Marmots exchange numerous messages; the two muzzles are brought into contact, the tails are wagging, the muzzles touch other part of the body.

After this modality of behaviour the two animals begin again their activities.

Clearly this kind of behaviour doesn't happen in dangerous situations, for example because of the presence of hikers or because of the passing of the eagle.

The collected data shows this behaviour 7 times out of 10 for the adult animals and only 3 times out of 10 for the juveniles, in fact for the juveniles I noticed that in these situations they simply change their behaviour starting to play. In the family-unit the above-mentioned behaviour is more unusual (2 times out of 10). The family-unit is composed from - at least, four animals: the adult male (the one that was captured), two other adult animals and one juvenile. In the family-unit the social relations are less intensive than in the colony.

The play activities aren't very frequent.

Usually the animals don't move too far away from the burrows.

There is a different behaviour between the colony and the family-unit when the eagle arrives: while the colony's Marmots quickly enter the burrows, the Marmots of the family only go near the entrances.

Probably this depends also on the morphology of area where the family lives, morphology that prevents the birds of prey to dive.

The Marmot's attention is focused on the nearby forest then on the sky, because from the woods other dangers, as the fox, can arrive. In the family-unit there have been no births in this season, while in the colony, at the end of June, I recorded 3 yearlings, that didn't move away from their native burrows until the end of July.

Usually the colony's animals never eat alone (1 time out of 10); surely this allows a better control of the surrounding area; in fact I could see that all the animals were able to control the territory around them at short intervals. This behaviour is less frequent in the family.

During this investigation also other family-units and colonies have been taken in consideration and other different behaviours have been observed. However at present I am still collecting new data.


ASPETTI PRELIMINARI PER LO STUDIO DEL COMPORTAMENTO DELLE MARMOTTE (Marmota marmota)

Congiu M.

Istituto di Zoologia Università di Genova - Via Balbi, 5


L'area di studio è divisa in due parti.

- "Gias della Cuccetta " sulla sponda sinistra del torrente (1330 m)

- "Gias dell'Isterpis" sulla sponda destra (1340 m)

Nel Gias della Cuccetta vive l'unità familiare delle marmotte, la prima che è stata osservata; le tane di questa famiglia sono quattro, situate nelle immediate vicinanze del bosco, più precisamente un faggeto.

La colonia di marmotte vive invece nella parte più bassa del Gias dell'Isterpis su di una cresta scoscesa che va da un piccolo piano al torrente.

Gli strumenti usati sono un binocolo (10x50) ed una macchina fotografica con un obiettivo da 500 mm.

Oltre all'osservazione diretta un altro metodo usato é stato la cattura degli animali avvenuta con l'utilizzo di lacci anti-strozzo nel periodo tra l'1 e il 4 di luglio.

Unità familiare: sei lacci sono stati collocati vicino o nell'entrata di 5 entrate di tane.

Colonia: 29 lacci sono stati collocati nell'entrata o vicino a 21 tane.

Gli esemplari catturati sono stati marcati con Freon e con un collare blu anti-strozzo; questo collare era ancora visibile prima che l'animale andasse in letargo, mentre la macchia bianca, provocata dal freon, risultava più difficile da individuare.

La colonia include almeno 10 differenti individui (questo é il numero di animali osservati più di una volta contemporaneamente).

Le relazioni tra i membri della colonia sono intense e frequenti, maggiormente tra i giovani (é stato possibile identificarne 4). L'attività di gioco di questi giovani animali si esprime nelle sua massima intensità nel periodo che va dalla metà di giugno alla metà di luglio.

I giochi di questi individui possono essere descritti in questo modo: 2 animali si posizionano l'uno di fronte all'altro e assumono la posizione da "uomo " (non si é mal osservato l'utilizzo dei denti) e successivamente si rincorrono. Inoltre i giovani sono animali che trascorrono molto tempo assieme anche nel corso di altre attività, come la ricerca del cibo e l'ozio vicino alla tana.

Usualmente gli adulti vivono assieme pacificamente. Solo in due casi, uno all'inizio di maggio e l'altro all'inizio di giugno, si sono registrati due combattimenti.

Le ragioni del primo combattimento sono riconducibili a problemi di cibo, infatti in maggio vi era ancora una copertura di neve del 90 % del territorio; il combattimento iniziô immediatamente ma fu alquanto breve infatti una delle due marmotte si ritiro molto velocemente.

Il secondo combattimento ebbe luogo nel momento in cui una delle due marmotte stava per entrare in una tana (non la stessa dalla quale era uscita) mentre l'altra era posizionata nelle immediate vicinanze.

Quest'ultima impedi alla prima di entrare; in questo casol'attacco non fu immediato, infatti come primo comportamento si é notato che l'animale che stava all'imboccatura della tana cercô di ostruire l'entrata con il suo corpo; conseguentemente la marmotta che voleva entrare provô a spingere con il muso il corpo dell'altra e cosi iniziô il combattimento.

La lotta fu senza "spargimento di sangue" e segui la sviluppo tipico dei combattimenti delle marmotte.

Il combattimento fu perso dalla marmotta che tento di entrare nella tana.

Uno dei comportamenti osservato riguarda quello che le marmotte fanno di fronte ad una tana in presenza di un altro membro della colonia, in particolare di un adulto.

La marmotta A arriva e si ferma vicino alla marmotta B, muove lentamente la coda e allunga il suo muso verso l'altro animale.

Usualmente la marmotta B - ferma all'imboccatura della valle - non si muove; solo quando la distanza é più ravvicinata, perche la marmotta A si avvicina, le dua marmotte iniziano a scambiarsi numerosi messaggi: i due musi entrano in contatto, le code si scuotono, le due marmotte si annusano in varie parti del corpo. Dopo questo comportamento i due animali ripresero le attività precedenti.

Questo tipo di comportamento non si manifesta in situazioni pericolose, ad esempio in presenza di un turista o per il passaggio di un'aquila.

I dati raccolti mostrano questo tipo di comportamento selle volte su dieci per quanto concerne gli animali adulti e solo tre volte su dieci per i giovani; infatti per questi ultimi si é notato che il più delle volte in queste situazioni cambiano semplicemente il loro comportamento cominciando a giocare.

Nell'unità famigliare il comportamento sopra descritto é meno usuale (2 volte su 10). L'unità famigliare é composta da almeno 4 individui: il maschio adulto (quello che é stato catturato), due altri adulti ed un giovane.

Nell'unità famigliare le relazioni sociali sono meno intense rispetto a quanto si é potuto osservare nella colonia; anche le attività di gioco non sono molto frequenti.

Per la più gli animali non si allontanano mai molto dalle loro tane.

Molto diverso appare anche il comportamento tra i due gruppi di animali quando sopraggiunge un'aquila; mentre gli individui della colonia si rifugiano velocemente nelle tane, le marmotte dell'unità famigliare si posizionano solamente all'ingresso dei loro rifugi. Probabilmente questo dipende anche dalla morfologia dell'area in cui vive la famiglia, una conformazione territoriale che difficilmente consente alle aquile di fare delle picchiate.

L'attenzione delle marmotte é infatti focafizzata più sul bosco, situato nelle immediate vicinanze dal quale possono arrivare vari pericoli - volpi o altri -, che dal cielo.

Nell'unità famigliare non c'é stata alcuna nascita nella stagione in cui si é svolta l'osservazione, mentre nella colonia, alla fine di giugno, sono stati registrati 3 piccoli che non si sono allontanati dalla tana nativa fino alla fine di luglio.

Usualmente gli animali appartenenti alla colonia non mangiano mal da soli (1 volta su 10); ciò, probabilmente, consente un miglior controllo dell'area circostante infatti si é potuto osservare che tutti gli animali erano in grado di controllare il territorio attorno a loro a piccoli intervalli di tempo. Questo comportamento é invece meno frequente nella famiglia.

Nel corso di questa indagine sono state prese in considerazione anche altre unità famigliari e colonie e molti altri comportamenti sono stati osservati, che, per brevità, non si possono qui commentare. L'indagine di campo verrà ripresa nella prossima primavera.


 

REFERENCES

HOFER S. and INGOLD P., 1984, Die Pfiffe des Alpenmurmeltiers. Form und Auftreten im zu Sammenhang mit der Feindvermeidung. Revue Suiss. Zool., Tome 91 Fasc. 4, p. 861-5, Geneve.

CAREY H. V., 1985, Nutritional Ecology of yellow-bellied marmots in the White Mountains of California. Holarct Ecol., 8, p. 259-264.

HOLMES WARREN G., 1984, Predation risk and foraging behavior of the hoary marmot in Alasksa. Behav. Ecol. Sociobiol., 15, p. 293-301.

OULLET J. P. et FERRON J., 1986, L'Utilisation de l'espace par la marmotte commune. Naturaliste can. (Rev. Ecol. Syst.) 113, p. 263-27~.

ARMITAGE K. B., 1962. Social behaviour of a colony of the yellow-bellied marmot (Marmota flaviventris). Anim. Behav., 10; p. 319-331.

MANN C. S. et JANEAU G., G. 1988. Occupation de l'espace, structure sociale, et dynamique d'une population de marmottes des Alpes (Marmota marmota). Gibier Faune Sauvage, vol 5, p. 427-445.

TUERK A., ARNOLD W., 1988. Thermoregulation as a limit to habitat use in alpin marmots. Oecology, 76, p. 544-548.



Tornare index / back contents